JJ13_scoperte incantevoli_jesolo_ex cimitero austroungarico_andrea bafile

L’ex Cimitero austroungarico di via Ca’ Gamba

di Manuel Pavanello

In zona via Ca’ Gamba-Correr, al lido Est, è presente un’area verde pubblica misconosciuta dai più: un cimitero di guerra istituito nel 1917 per il 1° Conflitto Mondiale. Tra le salme di austroungarici (in prevalenza) e italiani qui sepolti giaceva anche il corpo del Tenente di Vascello Andrea Bafile.

È importante ricordare che dal Cimitero di Ca’ Gamba fu riesumata una delle 11 salme di caduti tra cui si è scelta quella del Milite Ignoto da tumulare presso l’Altare della Patria a Roma.
Negli anni ‘20 e ‘30 del secolo scorso furono costruiti i grandi sacrari (ad esempio Redipuglia, Asiago e altri), e i corpi rimasti furono trasferiti altrove.
Non solo: il cimitero di via Ca’ Gamba fu impoverito di alcuni manufatti caratteristici che ritroviamo tuttora in altre parti di Jesolo. Il cippo trapezoidale con le pietre del Carso e sormontato da una lanterna è stato spostato in Piazzetta Fanti del Mare, mentre la stele recante un’iscrizione del poeta Gabriele D’Annunzio è stata collocata in piazza Matteotti. Nei suoi pressi la città festeggia l’anniversario della Repubblica Italiana il 2 giugno.
Alla fine degli anni 60 quest’area fu convertita in un parco rimuovendo le tombe e le croci rimaste. Anche se ufficialmente è stato dedicato all’ambientalista e sindacalista brasiliano Chico Mendes, per i più anziani del luogo quest’area continua ad essere conosciuta come il “cimitero dei tedeschi”. Del camposanto originario rimane poco: parte della recinzione e un cippo parallelepipedo recante l’incisione “in pace” e un Chrismon, abbreviazione con l’aspetto di una “X” e una “P” sovrapposte (in realtà due lettere greche).

TOP
JJ31

>> Sfoglia l’ultimo numero!

Clicca sulla copertina
e scopri tutto ciò che c’è di bello
a Jesolo e nelle vicinanze.