JJ17_Clizia Fornasier

Da Conegliano a Roma, passando per Jesolo

di Elisa Panto

Miss Italia, conduttrice televisiva, attrice, scrittrice. Sposata con l’attore e cantante Attilio Fontana da cui ha avuto due figli. L’abbiamo incontrata qualche giorno fa a Roma, dove vive.

  • Ciao Clizia! Ci racconti come è nata la tua carriera?
    È nata guardando il film “Labyrinth” di Jim Henson, quando ero solo una bambina. Desiderai per la prima volta di vivere mille vite fantastiche nella mia, allora, piccola vita. 
  • L’attore con cui hai lavorato che stimi maggiormente?
    Sono una “verdoniana” da sempre quindi incontrare Carlo Verdone mi ha lasciato addosso uno dei ricordi più belli della mia carriera. Ma il mio attore preferito resta…Attilio Fontana, per tantissime ragioni!
  • I momenti più importanti e più divertenti della tua carriera?
    Ogni nuovo lavoro è stato importante. Forse il ruolo che mi ha maggiormente gratificata è stato quello di Sole, nella fiction “Piper”. I momenti più divertenti e intensi sono quelli legati a “Tale e quale show”. 
  • Ci parli del tuo ultimo libro “È il suono delle onde che resta”?
    È una storia che aveva bisogno di uscirmi da dentro e di essere raccontata, quasi le idee non fossero mie fantasticherie ma semplici tracce del passaggio di qualcuno che quelle vicende le aveva vissute davvero. 
  • Tre aggettivi per descriverti?
    Onesta, creativa, accogliente.
  • Che tipo di mamma sei?
    Sono una mamma presente, che riesce a delegare il suo ruolo con grande difficoltà. Ma sto migliorando. Comincio ad avere urgente bisogno di momenti con me stessa, per scrivere e per dedicarmi al lavoro. 
  • Un sogno nel cassetto?
    Un film oltre i confini nazionali, in una lingua diversa, un ruolo che mi faccia impazzire di fatica e soddisfazione. E sogno di continuare a scrivere storie che magari diventino film, e che la mia famiglia stia sempre bene.
  • Torni ogni tanto nella tua Conegliano?
    Molto spesso. I nonni smaniano per i loro nipoti e io torno a casa dei miei dove ho il privilegio di tornare un po’ figlia per qualche giorno. 
  • Ci sveli un tuo segreto di bellezza?
    La totale assenza di vizi nocivi per il corpo. Non ho mai bevuto (sono una trevigiana anomala, lo so) e non ho mai fumato ma in compenso amo dormire. Cerco di seguire una dieta dissociata e di idratare la pelle con oli naturali e ricchi di vitamina E.
  • Un tuo consiglio per questi ultimi giorni d’estate?
    Di fare un bel carico di vitamina D, camminando all’aperto, di riempirsi gli occhi delle bellezze di questa stagione che volge al termine e di leggere, perché quella è un’attività che cura molte tristezze.
  • Conosci Jesolo? La frequenti?
    Per me Jesolo resta legata alle canzoni della mia adolescenza, ai viaggi in pullman con le amiche per raggiungerla non appena il liceo finiva, al ricordo di come quel luogo mi facesse sentire più grande, in procinto di tuffarmi nel tempo migliore della mia vita. 
TOP
JJ31

>> Sfoglia l’ultimo numero!

Clicca sulla copertina
e scopri tutto ciò che c’è di bello
a Jesolo e nelle vicinanze.