Il Veneto e le sue bellezze_Treviso_ConeglianoValdobbiadene
Il Veneto e le sue bellezze_Belluno VAL DI ZOLDO

BELLUNO – Val di Zoldo

Ai piedi del Monte Pelmo e del Monte Civetta si trova una valle dove potrai rivivere il passato grazie alle tradizioni antiche tramandate di generazione in generazione, respirare la libertà e godere della natura che qui si esprime al 100%, sto parlando della Val Di Zoldo nota per la tradizione del gelato ma non solo.

La Val di Zoldo è attraversata dal torrente Maè, pur nella sua semplicità rappresenta in toto le splendide Dolomiti.

Potete scoprire questo territorio nei diversi momenti dell’anno: praticando escursioni o passeggiate semplici, potrai anche andare in bicicletta alla scoperta delle bellezze del territorio come ad esempio il Lago Coldai.

 Sai che per di qui è passato il Giro d’Italia? Se ami l’avventura, le ferrate oppure il classico sci d’inverno, questo è il posto giusto per te.

Se decidi di venire qui in famiglia durante la settimana del bambino, che si tiene in estate nei mesi di luglio ed agosto, ci sono diverse esperienze da fare assieme come andare a cavallo, passeggiare tra i bellissimi borghi e i magici boschi, soffermandovi nelle malghe ad assaporare i prodotti tipici della tradizione locale della Val di Zoldo come un buon pezzo di pane con del formaggio realizzato da voi.

Tantissime quindi le emozioni che questo territorio ha da offrirti, non ti resta che viverle.

Curiosità: sai che una delle famiglie di costruttori di gondole delle Squero dei Severi erano i Casal, originari della Val di Zoldo. Il loro era un talento davvero riconosciuto tant’è che il loro cognome era un marchio “garanzia di qualità” al passo con i tempi.

Il Veneto e le sue bellezze_Padova_CITTADELLA

PADOVA – Cittadella

Lo sai che in questa splendida cittadina medievale in provincia di Padova c’è l’unico Camminamento di Ronda ellittico e interamente percorribile in tutta Europa?

Il camminamento di ronda ti permetterà di andare alla scoperta della storia di Cittadella. Da qui potrai godere di una vista unica sul centro storico e sul territorio attorno ammirando i Colli Euganei, il Monte Grappa, i Monti berici, la Pedemontana e le splendide cittadine di Asolo e Marostica.

Ma non solo, conoscerai la moda di un tempo e ciò che caratterizzava Cittadella nel Medioevo, all’interno della “Casa del Capitano”.

Cittadella nasce nel 1220 dalla volontà della città di Padova per difendersi dalle mire espansionistiche delle vicine Vicenza e Treviso ma anche per il controllo dei signori locali e per la colonizzazione agraria. 

È con la dominazione di Ezzelino da Romano che viene costruita la Torre di Malta, come luogo di prigione per i nemici e che oggi rappresenta uno dei simboli di questo borgo, dove sono ospitati Il Museo dell’Assedio, il Museo Archeologico e si tengono convegni e conferenze.

Dopo il dominio del tiranno Ezzelino arrivano i Carraresi, il cui simbolo é il carro a quattro ruote presente oggi su Porta Padova, uno degli ingressi al centro.

Questa è solo una parte di tutto ciò che può offrirti Cittadella, non ti resta che andarla a visitare.

Curiosità: Uno dei sui dolci tipici è la Polentina gialla di mais, ideale da consumare a colazione o come merenda. La Polentina è nata nel 1852 e oggi viene tramandata di generazione in generazione.

Il Veneto e le sue bellezze_Rovigo_deltadelpo

ROVIGO – Il Delta del PO

Oggi voglio farti conoscere il Delta del fiume Po: il fiume più lungo d’Italia nonché Patrimonio Unesco.

In questa oasi di pace, caratterizzata da valli e laguna potrai andare alla scoperta del passato grazie alle Chiese, alle Ville e alle diverse opere di Archeologia industriale, alle case rurali e ai resti archeologici etruschi e romani di grande valore.

Nel Parco del Delta del Po potrai praticare diversi sport come andare in bicicletta, in canoa o fare entusiasmanti passeggiate per conoscere le parti più nascoste ma che spesso celano i segreti più belli.

Se sei un appassionato di birdwatching, questo è il luogo adatto per te; qui troverai tantissime specie da immortalare con la tua macchina fotografiche: aironi, garzette, martin pescatori, fenicotteri rosa, la volpoca un’anatra tipica di questo territorio, nella Tenuta Cà Zen o nell’oasi di Cà Pisani, tra la laguna e il Po. 

Durante l’escursione in barca a Scano Boa, partendo dalla frazione di Pila a Porto Tolle, troverai un ambiente con paesaggi splendidi e particolari caratteristiche come i Casoni dell’antico Villaggio dei pescatori.

Curiosità: Lo sai che nella Sacca degli Scardovari a Porto Tolle, nelle “Cavane” ovvero le tipiche palafitte del luogo, si coltivano ostriche, cozze e vongole per le caratteristiche uniche della zona e il clima; speciali sono la Cozza di Scardovari l’unica DOP in Italia e l’Ostrica Rosa o “Perla del Delta”, tra le migliori al mondo.

Il Veneto e le sue bellezze_Treviso_ConeglianoValdobbiadene

TREVISO – Conegliano e Valdobiadene

La strada del Prosecco e dei Vini dei Colli di Conegliano e Valdobbiadene è la più antica strada del vino in Italia, nata nel 2003 sulla scorta della strada del vino bianco del 1966. Questa zona nel 2019 ha meritato il titolo di Patrimonio Unesco. 

Si tratta di un percorso di 90 km che ha come centro il Comune di Valdobbiadene e attraversa splendidi paesi come Conegliano, Cison di Valmarino, Pieve di Soligo e tanti altri ancora.

A Valdobbiadene ti consiglio di andare a visitare Piazza Marconi: il centro del borgo con il Campanile del 1743 e il Duomo di Santa Maria Assunta, con all’interno l’Annunciazione di Francesco Beccaruzzi, pittore nato a Conegliano nel 1492.

Conegliano è uno splendido borgo, legato al Pittore Giovanni Battista Cima, conosciuto anche come Cima da Conegliano, uno dei maggiori rappresentanti della pittura veneta del 1400. Qui potrai visitare la sua casa-Museo vicino al Duomo di San Leonardo.

Nel suo centro noterai meravigliose ville e residenze storiche; imperdibile è il suo Castello che domina dall’alto e da cui potrai godere di una vista sensazionale sul territorio circostante. Puoi conoscere la sua storia visitando il Museo Civico, che fa parte del complesso medievale.

Curiosità: A Conegliano si trova l’Istituto Cerletti, la prima Scuola enologica d’Italia nata il 9 luglio 1876. Qui potrai visitare la Bottega del Vino dell’800 con splendidi affreschi e il museo dedicato a Luigi Manzoni l’inventore degli “Incroci Manzoni” nati negli anni ’20-’30 del ‘900 dall’unione di viti di vari vigneti.

Il Veneto e le sue bellezze_Verona_bardolino

VERONA – Bardolino

Lungo il bellissimo Lago di Garda ci sono luoghi sensazionali da visitare. Oggi vi parlo di uno di questi: Bardolino, sulla sponda orientale, la cosiddetta Riviera degli Ulivi, così chiamata per la forte presenza di questa pianta che dà vita ad uno dei simboli della dieta mediterranea: l’Olio d’oliva. A Bardolino c’è un museo dedicato a questo prodotto così importante.

Un tempo villaggio di pescatori, oggi è un borgo dove puoi vivere esperienze autentiche alla scoperta delle tradizioni locali legate all’enogastronomia, degustando ad esempio un buon piatto di pesce con dell’ottimo vino in uno dei tanti ristorantini tipici.

Camminando attraverso le vie del paese, alla ricerca di un prodotto artigianale da indossare come ricordo o da regalare ad una persona speciale, potrai conoscere le testimonianze della storia di Bardolino: dalle chiese come quelle di San Zeno o San Severo, alle sue ville, le torri e ciò che tutt’ora rimane delle sue antiche mura. Incantevoli sono anche le aiuole fiorite che nel 2018 le hanno meritato il titolo di Città fiorita.

Imperdibile è anche una passeggiata nel lungo lago al tramonto. Un’esperienza davvero emozionante e molto romantica, non potrai non immortalare questo momento con una fotografia.

Curiosità: Lo sai che a Bardolino sul lungolago, nella zona del porto c’è una sorta di piccolo altare di pietra, chiamato Preonda, si dice che se si compie un giro attorno si avrà fortuna e sicuramente si tornerà a Bardolino. Non ti resta che sfidare la sorte.

Il Veneto e le sue bellezze_Vicenza_Bassano del Grappa

VICENZA – Bassano del Grappa

Una splendida cittadina lungo il fiume Brenta e dove potrai attraversare lo storico Ponte Vecchio o degli Alpini. Inizialmente era stato costruito in legno, poi per i vari problemi che questa struttura gli causava fu ricostruito più volte, in particolare dopo la Seconda Guerra Mondiale quando fu duramente colpito. 

Le memorie della storia ed evoluzione del ponte, uno dei simboli di Bassano del Grappa, sono conservate all’interno del Museo degli Alpini.

Nel Museo Hemingway invece, potrai conoscere i fatti successi durante la Grande Guerra che hanno fortemente interessato questo territorio. Infatti per onorare le vittime che causò questo tragico momento storico, all’interno del Tempio Votivo dei Caduti, sono sepolti 6000 soldati.

Per godere di una vista panoramica sul borgo, sul Monte Grappe e l’Altopiano di Asiago ti consiglio di salire sulla torre Civica costruita nel 1200 all’epoca del dominio dei carraresi.

Infine grazie alle varie botteghe presenti nel suo centro storico avrai modo di riscoprire l’antica arte legata alla ceramica ma non solo, qui infatti viene prodotta una delle grappe migliori d’Italia a cui è dedicato il Museo Poli voluto dalla stessa famiglia Poli, così profondamente legata a questo prodotto unico.

Curiosità: Ti consiglio una passeggiata lungo il corso del Brenta alla scoperta del passato. Da qui si sviluppava la “Alta via del tabacco”, chiamata così perché dalla metà del ‘600 veniva coltivata questa pianta. In questi luoghi si sviluppava la comunità, quindi non un semplice sentiero escursionistico ma un luogo dal forte valore culturale.

TOP
Jesolo journal Aprile 2022

>> Sfoglia l’ultimo numero!

Clicca sulla copertina
e scopri tutto ciò che c’è di bello
a Jesolo e nelle vicinanze.