JJ17_aceto balsamico di Modena igp_ made in italy

L’oro nero in cucina

L’Aceto Balsamico di Modena è ottenuto da mosti di uva proveniente esclusivamente da alcuni vitigni specifici, parzialmente fermentati e/o cotti e/o concentrati.
Al mosto vengono aggiunti aceto di vino, nella misura minima del 10% e una parte di aceto vecchio di almeno 10 anni: è vietata l’aggiunta di qualsiasi altra sostanza.
L’affinamento si svolge all’interno di botti di legno pregiato e dura 60 giorni, al termine dei quali il prodotto ottenuto viene sottoposto a un esame, analitico e organolettico, affidato a un gruppo di tecnici e assaggiatori esperti che lo certificano.
L’Aceto Balsamico viene poi inserito in contenitori di vetro, legno, ceramica o terracotta, su cui viene posta la dicitura Aceto Balsamico di Modena IGP.
È un prodotto estremamente versatile: rappresenta un condimento pregiato per gli chef di professione e per gli appassionati di cucina di tutto il mondo, perché si sposa bene sia con i sapori della tradizione, sia con le ultime tendenze ed è indicato nelle rifiniture di piatti semplici ma anche per impreziosire in modo fantasioso creazioni raffinate.

Curiosità

L’Aceto Balsamico può essere sostituito a elementi acidi come il limone, oppure aggiunto in piccole quantità bilanciando con le altre note acide. Avresti mai pensato di poter utilizzare l’Oro Nero anche per creare uno Spritz? Provare per credere!

Le origini

È alla tradizione degli antichi Romani che risale la pratica della cottura del mosto d’uva: il cosiddetto sapum era utilizzato sia come medicinale sia in cucina, come dolcificante e condimento.

TOP
JJ31

>> Sfoglia l’ultimo numero!

Clicca sulla copertina
e scopri tutto ciò che c’è di bello
a Jesolo e nelle vicinanze.